SOSFARM

SOSFARM – Agricoltura sostenibile e di precisione

La Value Chain SOSFARM integra elementi di sostenibilità economica ed ambientale con protocolli atti a sfruttare la variabilità spazio-temporale dei processi produttivi nell’agro-alimentare.

 

Obiettivo Strategico 1 – Agricoltura Resiliente e Clima-Intelligente (RCSA)

L’obiettivo strategico è rivolto ad adattare e rafforzare la resilienza dei sistemi agricoli ai cambiamenti climatici per aumentare produttività e redditività in modo sostenibile. Agricoltura integrata, biologica, conservativa e di precisione ne rappresentano il campo d’azione che, attraverso approcci basati sulle più moderne conoscenze ‘omiche’, applica tecnologie multiformi e integrate per individuare soglie critiche di stress e criteri di somministrazione “personalizzata”, di coltivazione delle piante e gestione del suolo e di allevamento degli animali. Il cambiamento legato all’applicazione di tecnologie innovative interessa potenzialmente tutti i settori produttivi del comparto zootecnico e vegetale, compreso il settore vivaistico-sementiero, imprese ICT, della gestione del suolo, della protezione delle piante e gestione infestanti, della fertilizzazione e dei materiali. Rapporti sistemici fra imprese e raccordo con gli altri obiettivi strategici porteranno a produzioni tracciabili, certificate e di qualità, tutelando la salute e l’ambiente, e mirando a sviluppare filiere produttive dedicate nel sistema agroalimentare regionale.

 

Obiettivo Strategico 2 – La gestione di “precisione” delle produzioni vegetali e animali

L’obiettivo strategico riguarda la riduzione del divario, tuttora crescente, che separa le variegate possibilità tecnologiche offerte dall’agricoltura di precisione (acquisizione di immagini da varie piattaforme a varia risoluzione) e l’effettiva traduzione delle stesse in nuove tecniche gestionali in agricoltura e zootecnia. Più in dettaglio occorre precisare i protocolli operativi che possono trasformare la “variabilità” esistente in una popolazione di piante o animali in una risorsa da sfruttare o da correggere per innalzare la sostenibilità economica ed ambientale delle tecniche applicate. Le tecnologie a rateo variabile spiccano in qualità di potenti mezzi di razionalizzazione dell’uso di acqua, fertilizzanti, fitofarmaci e mangimi. La realizzazione di questo obiettivo non può non procedere di pari passo con la formazione di nuove figure professionali che possano riunire le expertise trasversali che tali tecniche richiedono e che implicano competenze ingegneristiche, informatiche, agronomiche e economiche.

 

Obiettivo Strategico 3 – IoT e Big data per generare elementi di conoscenza indispensabili alla gestione di processi produttivi sempre più sostenibili

L’obiettivo strategico intende mettere a sistema la raccolta di una mole esponenziale di dati e informazioni che provengono da sistemi e strumenti di monitoraggio sempre più efficaci e puntuali (IoT), la cui gestione (Big data), attuata mediante metodi analitici specifici, può costituire una chiave interpretativa fondamentale per supportare non soltanto diversi tipi di analisi, ma anche per conferire alle imprese facoltà “predittive” circa i fenomeni in rapida evoluzione. Per realizzare questo obiettivo, tecnologico ed organizzativo, occorre introdurre e dare corpo al concetto di costruzione della “Filiera del Dato”, attraverso la quale organizzare un HUB regionale volto a garantire la fruizione di tutti i servizi digitali e di innovazione presenti e disponibili. Questo per facilitare un ecosistema informativo che consenta di raccogliere, organizzare ai fini di un efficace utilizzo, tutti i dati che investono il processo produttivo dei vari sistemi agroalimentari regionali, sia nella loro globalità che nelle loro declinazioni di settore e/o filiera.

 

Potete scaricare il documento relativo alla Value Chain SOSFARM a questo link.